PD, si parte!

Sabato 10 novembre ore 22- Il mio primo giorno da costituente regionale del PD è stato lungo, bello e appassionante.

L’Assemblea regionale di Firenze è stata un evento molto partecipato e vivace, non solo per i numerosissimi interventi che si sono susseguiti per quasi 6 ore (siamo un partito democratico, no?) ma anche per la loro qualità.

Al microfono si sono alternati sindaci, deputati ma anche giovani, donne, lavoratori, studenti. Ognuno portatore di una storia, di un’idea, di una speranza per il PD che aveva luce proprio oggi (almeno ufficialmente).

Devo dirvi anche che, a differenza di molti altri incontri di questo tipo, c’erano molte persone attente a tutti gli interventi, non solo a quelli dei “big”.

Appena disponibili nel testo definitivo inserirò la relazione del neosegretario Andrea Manciulli, l’intervento della vicesegretaria Caterina Bini ed il dispositivo finale…

A Firenze molte facce nuove e anche, per la prima volta nella mia esperienza politica, molti giovani. Ho parlato anche io. Non vi nascondo l’emozione: di questo PD ne abbiamo parlato da anni e adesso si è concretizzato. Sembrava un sogno, è diventato realtà.

Cosa ho detto? Beh, in parte lo sentirete presto sul sito, perchè un mio amico ha registrato parte del mio intervento. Ho citato due incontri della campagna delle primarie.

Li metto anche qui, come augurio e come speranza per il PD che oggi nasce in Toscana.

Un anziano, di 75 anni, iscritto al PCI da moltissimi anni, mi ha detto: “Questa volta c’è da cambiare, ma da cambiare sul serio. Questa è l’ultima occasione, se non vogliamo regalare l’Italia alla destra”.

Un giovane, 25 anni, all’Università mentre un nostro amico stava per laurearsi: “Da una parte mi fa piacere, dall’altra non lo invidio. Quello che ci aspetta dopo… Mi sa che dovremo rimpiangere questi anni di Università”.

Beh, se la politica, se il PD ha un senso, è per non deludere la speranza di quell’uomo anziano, per dare un futuro più sereno ai giovani.

In bocca al lupo democratici! Non mancheranno le difficoltà, noi mettiamoci speranza, passione e cuore!

5 commenti

  • Russo Massimiliano

    Anche io ho presenziato sabato mattina, al primo giorno della costituente regionale.
    Tutto l’interesse dei 396 delegati, si è concentrato sull’intervento di Andrea Manciulli, neosegretario del nascente partito democratico della nostra amata regione Toscana, quando la parola toccava alla vicesegretaria Caterina Bini ormai moltissime persone si erano alzate per andare a mangiare o disbrigare alcune situazioni personali.
    Quello che purtroppo ho notato, è stato il fatto che i delegati si siano disposti a seconda della corrente di origine; (avete capito bene, il partito democratico è suddiviso in varie correnti).
    L’ordine di posizionatura dei vari candidati era accuratamente di ordine di lista (per esempio tutti i componenti della lista ” a sinistra per Veltroni” delle varie provincie erano gli uni vicini agli altri e così valeva anche per i “democratici per Veltroni” e tutte le altre liste.
    Caro Marco la domanda che ti pongo è questa:
    Questa sarà la strutturazione del nuovo “Partito Democratico” in Toscana?
    Attendendone una gradita risposta, distinti saluti da Russo Massimiliano segretario di “nuova forza popolare valdinievole” (nuova-forza-popolare@hotmail.it)

  • fabio

    Io ovviamente non c’ero, ma vorrei sottolineare il commento di Massimiliano. Ben venga una forza nuova, ma che sia veramente nuova….. se nel PD rientrano un pò tutti gli schieramenti di sinistra e poi ognuno fa da sè, la vedo dura rinnovare un paese…..

    Mi soffermo sul commento dell’anziano comunista “Questa è l’ultima occasione, se non vogliamo regalare l’Italia alla destra” e mi chiedo: Il PD è nato per soppiantare la destra e non farla tornare al governo, almeno in tempi brevi, o è nato per rinnovare un Paese e la sua politica?

    Se la risposta è la 2, come ho creduto finora dalle dichiarazioni di tutti, direi che quel commento è un pò fuori luogo e se viene citato come augurio per la nascita e il proseguo di questo partito, la mia prima impressione è che le mie speranze cadranno presto…..

    Non vorrei che la maggior parte di chi ha votato e di chi si è candidato lo abbia fatto invece proprio per la risposta n. 1….

  • iocimettoilcuore

    La risposta è ovviamente la 2, anche nelle intenzioni di chi me lo disse…
    L’ho voluta citare per ribadire un concetto: la voglia di cambiamento, di quello vero che si è percepita in tutti questi mesi prima delle primarie non è solo nei giovani ma anche in chi non è più giovane, al di là di tutti gli stereotipi…

    Questa è la missione, il senso del PD: l’innovazione ed il cambiamento. Questo è quello che molti altri delegati come me hanno detto a Firenze e credo anche che sia la molla che abbia spinto molti altri come me, all’inizio del loro percorso politico, a “metterci la faccia” per questo partito e per queste primarie…

  • Frediano

    ..e bravo Marco, anche questo blog và sulla strada giusta. Anche io ho “registrato “qualcosa di simile, ma in realtà non lo ho ancora mai “coltivato”.
    Non appartengo alla schiera di chi crede che la nascita del PD sia una fusione a freddo fra due apparati, anche se fra i DS di Pescia si sembrava in pochi effettivamente convinti e “non costretti” dagli eventi a questo processo formativo.
    Certo la strada è lunga, irta di ostacoli, (ce li porranno gli avversari, ma anche noi stessi), non lineare e sopratutto regolata da prassi politiche che sono inevitabili, scoraggianti, a volte difficilmente condivisibili.
    Ma il treno è partito…….siamo in marcia, parliamo del futuro, non ci maceriamo più in un masochistico masturbamento mentale.
    Poi ci organizzeremo, ci mescoleremo, “contamineremo” e cambieremo tutti.
    Certo dopo le candidature, le liste, le votazioni, gli statuti……
    Dobbiamo riempire la nostra vita politica di valori politici: Democrazia proporzionale, primarie per tutte le cariche monocratiche, ricambi generazionali ed altermanza negli incarichi pubblici. E poi libertà, impegno sociale, europa, africa, pari opportunità per le donne in politica, onestà, lavoro sicuro, lotta all’evasione, inclusione sociale…….
    Ma sopratutto ritorno al principio di rispetto dell’autorità e della sicurezza e dulcis in fondo …..SERIETA’.
    Ciao contento di averti “incontrato” ed adesso mi andrò a leggere l’archivio.

  • iocimettoilcuore

    Ciao Frediano, scusa se ti ho risposto solo adesso ma ho avuto un po’ di problemi con la connessione…
    Hai ragione, il treno è partito… Forse qualcuno c’è salito un po’ controvoglia, ma credo che già tanti stanno comprendendo le straordinarie potenzialità di questo progetto.
    Più che disquisire da dove veniamo, pensiamo a dove vogliamo andare… Questa è la sfida del PD e anche della “contaminazione” (o meglio reciproca conoscenza…).
    Riguardo ai valori, la serietà credo sia la precondizione per tutto.
    Mi fa piacere che tu abbia visitato il mio sito, anche questo è un modo per essere sempre in contatto…

    A presto e grazie per il tuo commento! Marco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *