Fiero di essere italiano

mercoledì 19 dicembre- Oggi sono veramente fiero di essere italiano. In realtà lo sono sempre, non solo quando vince la Nazionale, perchè credo che l’Italia, nonostante diversi problemi momentanei e “strutturali”, sia un Paese dalla grandissima vitalità, che si è tradotta sempre in molteplici campi, dalla ricerca all’arte, dallo sport all’impresa.

Questa volta però sono fiero doppiamente. E’ stato il governo italiano a volere fortemente la moratoria delle esecuzioni capitali votata ieri dall’Assemblea generale dell’ONU.

L’Italia l’ha voluta anche quando sembrava che fossero pochi gli Stati “abolizionisti”. Ci ha creduto fino in fondo ed è riuscita ad aggregare attorno a sé molti altri Paesi.

Certo, la risoluzione non vincola gli Stati che ancora la praticano. Però manda un segnale chiaro: chi usa la pensa di morte si pone fuori dallo “standard” di garanzie universalmente accettato.

Nel linguaggio della diplomazia internazionale, l’atto dell’ONU ha una grande forza e sono sicuro che sarà foriero di molti ripensamenti nei prossimi anni negli Stati che ancora prevedono una pena così orrenda.

Il mondo dopo ieri fa un passo avanti per la costruzione di una civiltà più evoluta e che rispetta veramente i diritti della persona. Un evento storico.

Perchè il Governo italiano ci ha creduto fino in fondo… Un’utopia diventa realtà.

Un commento

  • fabio

    Mi associo, ma non fino in fondo… o almeno resto in attesa del secondo tempo.

    La cosa è semplicemente stupenda, anche se siamo all’inizio perchè la moratoria non pone obblighi ai singoli paesi, però mi è venuto un sorriso quando ho letto i commenti di esultanza di gente tipo Emma Bonino & C (la C non sta per Company ma per Compagni)

    Che differenza c’è tra la pena di morte e l’aborto e l’eutanasia?

    Trovo molto ipocrita la posizione di chi lotta contro la pena di morte e contemporaneamente fa di tutto per portare avanti la pillola abortiva RU… (non ricordo il numero) e dice che in Italia si praticano pochi aborti e per questo siamo al di sotto della media europea…

    Ma la gente pensa o “spensa”?????

    Bellissima, sacrosanta e giustissima cosa abolire la pena di morte, ma non dimentichiamoci i circa 130000 bambini abortiti solo in Italia ogni anno…

    e attenti all’ONU, o meglio alle varie ONG che forniscono aiuti solo a paesi che aderiscono a campagne abortive o di sterilizzazione di massa….

    La vita è un diritto PER TUTTI e non esistono motivi per giustificare un OMICIDIO, soprattutto quando a pagare sono le vittime più innocenti…..

    Mi attendo che presto qualcuno proponga la stessa cosa anche per l’aborto e l’eutanasia…..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *