Veltroni, Baudo, i giovani…

Domenica 2 marzo – Oggi ho partecipato alla tappa pistoiese del “Giro dell’Italia nuova” di Walter Veltroni.

E’ stato un bel pranzo, partecipato da più di 500 persone, al centro congressi di Montecatini Terme.

Veltroni ha una grandissima capacità comunicativa, che non significa assolutamente banalità nel suo messaggio.

Tutt’altro.

Veltroni sa infondere entusiasmo, passione, speranza…

Non solo a parole ma con i fatti.

Una breve riflessione che potrebbe non entrarci niente, ma invece…

Oggi si conclude il festival di Sanremo. Quest’anno c’è stato il flop (mai così annunciato e prevedibile) degli ascolti.

Anche nel 2007 fu uguale. Ma si continua comunque a scegliere Baudo: presentatore sicuramente bravo ma che ormai da molto tempo è sulle scene, con la sua mentalità e le sue idee artistiche… Forse un po’ datate?!

Possibile che in Italia non ci siano dei giovani ventenni o trentenni che possono portare una ventata di freschezza, di novità, di idee nuove per una manifestazione canora?

Io credo di sì ma, si dirà, “non hanno esperienza, non sono pronti”.

E’ la motivazione ricorrente che viene opposta a tanti giovani italiani, in tantissimi campi…

Difficilmente si scommette sui giovani, anche quando hanno molte capacità.

Beh, Veltroni l’ha fatto. Ha scommesso. Ha candidato persone under 30 come capolista.

Cose impensabili solo un mese fa.

Io conosco personalmente Pina Picierno, capolista del PD in Campania. L’ho conosciuta quando era Presidente nazionale dei Giovani della Margherita. E’ una ragazza intelligente, politicamente e culturalmente preparata, che si spende tantissimo nell’attività sociale e politica. Ha tutte le carte in regola per essere un ottimo parlamentare, alla pari di coloro che magari hanno molti più anni di lei.

Quindi si merita questa candidatura. Veltroni ha visto giusto.

Ma non solo il Pd deve scommettere sui giovani. Deve scommetterci l’Italia.

Un commento

  • fabio

    “chi lascia la strada vecchia per la nuova, sa quello che perde ma non quello che trova”……

    Attenzione alle novità e ai giovani…. proprio il festival ha dimostrato negli anni scorsi che il cambio generazionale non ha portato i frutti sperati (vedi i vari Fazio, ecc)…

    Se alla fine ritorna sempre il buon vecchio Pippo è perchè ormai è un nostro babbo e con lui ci sentiamo sicuri e tranquilli…. cos’è sanremo senza pippo? Un prato senza fiori, un cielo senza stelle…….

    Poi non andrei a cercare la causa del flop di sanremo nel presentatore, ma piuttosto nei contenuti e nel giro di polemiche che ci sono sempre dietro a partire da un bel pò di tempo prima….

    E poi c’è un’altra cosa: agli italiani non interessa più questa manifestazione come una volta, indipendentemente da chi la presenta… ci fosse stato qualcun altro sarebbe stato uguale…..

    Ora non si guardano o si ascoltano le canzoni in tv, ma si va su internet e si scaricano…. più semplice di così…. in un’epoca dove il massimo degli ascolti vanno a trasmissioni (se così si possono chiamare) come il grande fratello o l’isola dei famosi, figurati se ha successo sanremo….

    Buon pro ti faccia il pranzo con Veltroni, ottimo oratore e paladino delle folle, capace di unire cordialmente qualsiasi corrente di pensiero…. sicuramente è comunicativo, ma se non sbaglio lo erano anche Hitler e Mussolini, Lenin e Stalin, Mao ecc. ecc. ecc. ecc. ecc… anche loro sapevano scaldare gli animi e infondevano passione, entusiasmo, speranza…

    Accostamento fuori luogo? A prima vista sì, certamente sono imparagonabili sotto certi aspetti e forse l’accostamento ideale andrebbe fatto con altri leader di schieramenti politici….. però attenzione, perchè anche il nostro Veltroncino sotto sotto ci mena tutti per il naso….. almeno questa è la mia sensazione dopo l’incredibile voltafaccia che (strano ma vero) i suoi sostenitori si ostinano a non vedere……

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *