Giardini di Nerja, coinvolgere le associazioni per realizzare attività aggregative

In tanti,a Pescia, conoscono i Giardini di Nerja, posizionati accanto alla vecchia sede delle Poste.

Un punto centralissimo, uno dei luoghi di aggregazione più importanti del capoluogo.


La precedente Amministrazione riqualificò l’area circa poco più di un anno fa, inserendo giochi e arredi.

I giardini attualmente sono essenzialmente lasciati a loro stessi durante il giorno e nelle ore serali e ciò, purtroppo, dà la possibilità ad alcuni di compiere atti di danneggiamento non solo agli arredi ma anche alle strutture vicine.

Da qui nasce l’interrogazione, con una proposta: per impedire atti di danneggiamento e soprattutto per far vivere questo spazio aumentando occasioni di aggregazione e di incontro, coinvolgere le associazioni locali.

Alcune di esse hanno, già da mesi, manifestato la loro disponibilità alla Giunta, ma non hanno mai avuto risposta.


Il sottoscritto consigliere comunale

PREMESSO CHE

I giardini di Nerja costituiscono da sempre uno dei maggiori poli di aggregazione sociale di Pescia, in particolare per le famiglie ed i bambini, che vi possono trovare anche giochi e spazi a ciò dedicati;

la posizione di tali giardini è privilegiata vista la loro centralità in una zona essenzialmente residenziale e la vicinanza a diversi plessi scolastici;

dopo anni di trascuratezza, che avevano portato alla chiusura temporanea, la precedente Amministrazione approntò un intervento complessivo di totale riqualificazione di tali giardini, inserendo arredi e giochi per i bambini e dando così nuova vita a questo spazio di aggregazione;

i lavori sono stati ultimati da poco più di un anno ma già varie volte è stata segnalata, da cittadini e associazioni, la situazione di sostanziale abbandono in cui versano attualmente i giardini, per la pulizia non sempre adeguata e per il susseguirsi di atti che danneggiano seriamente le strutture ed i nuovi arredi;

tale situazione ha creato quindi la possibilità per azioni di danneggiamento non solo verso gli arredi ma anche verso strutture confinanti, in particolare gli ambienti della Parrocchia di San Michele, che ha denunciato pubblicamente le spiacevoli situazioni che si vengono a creare in particolare nelle ore serali, anche a causa di una illuminazione pubblica insufficiente;

CONSIDERATO CHE

l’assenza di ogni attività di vigilanza dei Giardini di Nerja è negativa in quanto, qualora essa perdurasse, possono essere compiuti danni maggiori agli arredi ed ai giochi, compromettendo così l’intervento di riqualificazione concluso poco più di un anno fa e costringendo in futuro il Comune ad altri interventi simili che comporteranno ovviamente nuovi investimenti di risorse pubbliche;

dato il particolare rilievo dal punto di vista sociale e aggregativo, in particolare per le famiglie ed i bambini, deve essere data una particolare attenzione, in modo continuativo, alla cura ed alla manutenzione dei Giardini, degli arredi e dei giochi;

per questi motivi occorre individuare forme di presenza continuativa e ciò può essere fatto anche valorizzando il prezioso apporto di realtà associative locali, coinvolgendole nella realizzazione di attività aggregative in tali Giardini, anche considerando il fatto che alcune di esse hanno più volte fatto presente la loro disponibilità in tal senso al Comune, ma non hanno mai ottenuto risposta dalla Giunta;

una presenza continuativa nei Giardini, oltre ad aumentare la funzione aggregativa e sociale, funzionerebbe da deterrente per atti di danneggiamento o comunque di incuria, assicurando un maggiore controllo diffuso su tutta l’area;

INTERROGA LA S.V. PER SAPERE

–         quali misure l’Amministrazione intende adottare al fine di assicurare, in via non episodica, il decoro e la vigilanza dei Giardini di Nerja, data la loro importante funzione aggregativa, così da contrastare fenomeni di danneggiamento agli arredi e ad alle strutture circostanti;

–         se intende, per raggiungere tali obiettivi, valorizzare l’apporto di realtà associative locali ed in quale forma.

Chiedo che la presente interrogazione sia inserita all’O.d.G. del prossimo consiglio comunale.

Il consigliere comunale gruppo Pd

Marco Niccolai

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *