Mentre il Comune è vicino al dissesto, la Giunta Marchi pensa ad assumere personale dirigenziale…

La situazione del bilancio del Comune di Pescia è sempre più difficile. Nonostante questo la Giunta Marchi ha deliberato di assumere a tempo determinato alcune figure dirigenziali, per un aggravio di più di 150.000 euro l’anno sul bilancio del Comune per spese di personale.

In una situazione come quella in cui è il Comune di Pescia, una scelta del genere è sostenibile finanziariamente? Non sarebbe meglio impiegare le risorse in servizi e investimenti e non in spese di personale? Perchè non si è provato prima a valutare con altri Comuni limitrodi se era possibile svolgere assieme alcuni servizi così da raggiungere una maggiore efficienza sulle spese del personale? 

A queste domande chiederemo risposte in Consiglio Comunale.

Oggetto: Interrogazione

I SOTTOSCRITTI CONSIGLIERI COMUNALI

PREMESSO CHE

le Rsu del Comune di Pescia hanno dato conto nelle scorse settimane della volontà dell’Amministrazione di procedere all’assunzione a tempo indeterminato per gli anni 2012 – 2013 di n° 1 dirigente ai servizi finanziari, costo €104.000,00 circa, di un Comandante della polizia municipale cat D3 costo € 35.000,00 circa e di altri dipendenti di categorie contrattuali inferiori

le Rsu hanno espresso la loro contrarietà al piano stesso, per ragioni evidenti a tutti e che trovano il loro fondamento nella situazione finanziaria dell’ente, per la quale sono in corso accertamenti della Corte dei Conti;

la Sua Amministrazione aveva già in passato provveduto ad aumentare l’organico dei dirigenti, portandoli da 3 a 5, grazie ai contratti attivati per ricoprire il settore urbanistica e finanziario;

con il piano assunzioni la scelta di ricoprire il settore finanziario con una posizione dirigenziale diverrebbe non più provvisoria ma permanente in termini di onere per il bilancio comunale, aumentando così ancora di più le spese di gestione dell’ente;

per quanto riguarda l’assunzione di un Comandante di P.M. Non se ne capisce la necessità visto che la responsabilità di tale posizione è già ricoperta;

CONSIDERATO CHE

la situazione finanziaria del Comune consiglierebbe non certo di aumentare le spese di gestione e funzionamento ma di modularle, anche verificando se alcuni servizi possano essere svolti con Comuni limitrofi, così da aumentare i risparmi sulle spese di gestione e dirottare le poche risorse sui servizi resi ai cittadini e sulla loro qualità;

con questo piano assunzioni si va quindi in totale controtendenza rispetto alla situazione dell’ente e alla necessità, ormai condivisa da tutti, di iniziare a gestire i servizi e le funzioni comunali non più singolarmente ma in sinergia con comuni limitrofi, come avviene nel resto della Valdinievole ma non a Pescia;

nonostante ciò, con la delibera di Giunta n. 90 del 24 aprile u.s. la Sua Amministrazione ha deliberato il piano assunzioni in precedenza delineato, dando ad esso anche il carattere di “urgenza” per le procedure di assunzione;

RILEVATO

che, in questi tempi così difficili per tanti cittadini, si dovrebbe attribuire “urgenza” non ad ulteriori aggravi per spese di personale per decine di migliaia di euro nel bilancio comunale ma a investire risorse su servizi educativi e sociali o investimenti in piccole opere pubbliche;

INTERROGANO LA S.V. PER SAPERE:

– se le decisioni dell’Amministrazione sono effettivamente compatibili con la situazione finanziaria dell’ente;

– se prima di addivenire a queste decisioni, ad esempio per quanto riguarda il ruolo di Comandante di Polizia Municipale, sono stati contattati i comuni limitrofi al fine di uno svolgimento congiunto di questo e degli altri servizi che sarebbero assicurati con le nuove assunzioni previste, così da utilizzare le risorse per la qualità dei servizi e non con spese di personale a quel punto non necessarie.

Con preghiera di iscrizione all’o.d.g. del prossimo Consiglio Comunale.

Gruppo Consiliare Partito Democratico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *