Cosa sta succedendo a Pescia? Due esempi delle ultime settimane

Cosa sta succedendo a Pescia, dove l’addizionale Irpef è al massimo di legge ma, come si vede dal sito del Comune, nonostante la disastrosa situazione finanziaria, il dodici ottobre scorso è stato indetto  un concorso per assumere un dirigente a tempo indeterminato (costo per il Comune 104.000 euro), che va ad aggiungersi ad altri tre dirigenti, mentre altri comuni li riducono fino ad arrivare ad avere un solo dirigente,  pur essendo più popolosi del nostro? Si risanano le finanze del Comune aumentando le spese del personale? Questa scelta rende non credibile qualunque azione di aumento dell’imposizione fiscale comunale, perché si può intervenire su essa solo dimostrando prima di aver compiuto “in casa propria” tutti i risparmi possibili.   


Cosa succede a Pescia in cui i cittadini, nonostante lo straordinario impegno delle forze dell’ordine che vanno ringraziate per l’impegno che profondono quotidianamente nello svolgimento del loro lavoro, hanno un maggior senso di insicurezza a causa di una recrudescenza nel fenomeno dei furti in abitazione ma, nonostante questo, il Sindaco non partecipa neanche all’ultima riunione del Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica, convocato alcune settimane fa proprio in Valdinievole a seguito di alcuni fatti rilevanti di microcriminalitá successi in questo territorio? Anche alla riunione della Conferenza dei Sindaci per il parere sulla scelta del nuovo direttore dell’Asl il Comune di Pescia brillava per la sua assenza.


Se il Sindaco o nessuno degli assessori ha tempo per rappresentare i cittadini di Pescia in questi luoghi in cui si affrontano temi così importanti, ne traggano le conseguenze. I cittadini lo hanno già fatto.

Un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *