Comicent, una vicenda di cui dobbiamo discutere subito in Consiglio Comunale

All’indomani della notizia che i dipendenti del Comicent sono stati licenziati, con licenziamenti operativi tra soli 10 giorni, ho ritenuto opportuno scrivere questa lettera al Presidente del Consiglio Comunale affinchè si discuta l’interrogazione che avevo presentato tempo addietro su questo tema.

Eccone il testo.

 

Pescia, 19 marzo 2013

Al Presidente del Consiglio Comunale

Egregio Presidente,

alcune settimane fa ho presentato un’interrogazione sul futuro del Comicent e su quali indirizzi il Comune voleva dare alla sua Azienda speciale, in particolare volevo conoscere cosa l’Amministrazione comunale intendeva fare per ciò che riguardava i lavoratori, diretti e indiretti, del Comicent.

Al Comicent lavorano più di 10 persone, un numero ben superiore a quello di tante piccole imprese del nostro Paese e molti di questi lavoratori hanno speso lì la loro intera esperienza professionale.
Oggi abbiamo saputo che a questi lavoratori sono arrivate le lettere di licenziamento, operative non tra mesi ma tra 10 giorni e, soprattutto, essi non conoscono se e quale futuro lavorativo avranno con la gestione dell’Azienda Speciale.

Siamo in una paradossale situazione in cui la Regione investe 10 milioni di euro per il rilancio della struttura ed ancora non sappiamo, al di là di generiche dichiarazioni di principio, quali indirizzi intende dare il Comune su alcuni rilevanti aspetti della gestione, se davvero si intendono garantire i livelli occupazionali attuali ed in quale forma.

Visto che l’Amministrazione non si è mai assunta la responsabilità di aprire una discussione vera sulla base di impegni concreti e formali con i lavoratori ed i loro rappresentanti né ha ritenuto di informarne il Consiglio Comunale, Le chiedo di convocare con urgenza il Consiglio Comunale mettendo all’ordine del giorno la discussione dell’interrogazione che ho presentato e più in generale degli indirizzi da dare alla nuova Azienda Speciale, perché le lettere di licenziamento saranno operative dal 31 marzo prossimo. Il Consiglio Comunale ha dunque il diritto di essere informato e la Giunta Comunale ha il dovere di dire con chiarezza, non domani, ma oggi al Consiglio Comunale, ai lavoratori ed ai cittadini come intende procedere rispetto alla gestione del Comicent e se e in quali forme intende o meno garantire i livelli occupazionali esistenti.
Ad oggi, per quanto riguarda i lavoratori, ci sono solo parole generiche mentre l’unico fatto concreto sono le lettere di licenziamento. Un quadro che si commenta da solo.

Cordialmente

Il consigliere comunale Pd
Marco Niccolai

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *