Perchè la scelta di Pietro Grasso è davvero straordinaria

pietro-grasso

“La mafia secondo me si identifica con il prepotente, la mafia è una mentalità”

Queste parole le ha dette Vito Ciancimino, assessore ai lavori pubblici e poi Sindaco di Palermo negli anni del cosiddetto “sacco” di Palermo, condannato per mafia.

Le riporta Attilio Bolzoni in un libro che ho letto e che consiglio davvero per capire il fenomeno mafioso, “Parole di Onore”.

La mafia dunque non è solo un’organizzazione, ma anche una mentalità e dunque una (sub)cultura.

Credo dunque che una subcultura come quella mafiosa si combatta, oltre che con il contrasto repressivo, con gesti e azioni, anche simboliche.

Le mafie sono un’emergenza nazionale, non solo un problema del Sud. Le varie inchieste giudiziarie degli ultimi anni ma anche i Comuni liguri e lombardi sciolti per infiltrazione mafiosa negli ultimi anni lo testimoniano. Neanche la Toscana è esente da tutto questo ovviamente ed anche recenti inchieste giudiziarie ce lo dimostrano.

Il peso delle organizzazione criminali sono un ostacolo alla crescita ed alla competitività del nostro Paese, alla possibilità di investimenti esteri in Italia. Le mafie inquinano la democrazia, con il voto di scambio ed altri fenomeni degenerativi.

 

Pietro Grasso, un uomo che da sempre combatte la mafia e che il Pd ha candidato nelle sue liste, è da ieri il Presidente del Senato ovvero la seconda carica istituzionale della Repubblica Italiana.

 

Se “la mafia è una mentalità”, essa si combatte con la repressione, con la diffusione di una cultura della legalità ma anche con messaggi chiari e ad alto valore simbolico come questo che dicono che il contrasto alle organizzazioni criminali è e deve essere una vera e propria priorità per lo Stato.

 

Gli amministratori locali minacciati dalle organizzazioni criminali, le associazioni antiracket e quelle che ieri hanno promosso una straordinaria mobilitazione a Firenze con “Libera” da ieri hanno un motivo in più per andare avanti e proseguire il loro coraggioso lavoro. I cittadini onesti hanno un motivo in più per sperare in un’Italia rinnovata.

Ringrazio i nostri parlamentari che hanno votato due persone come Pietro Grasso e Laura Boldrini quali seconda e terza carica dello Stato. Il Pd è a servizio di una riscossa civica e da ieri abbiamo iniziato a dimostrarlo con i fatti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *