AnsaldoBreda-Hitachi: Pistoia non perda la sua centralità

Dopo un lunga trattativa si è concluso il processo di acquisizione di AnsaldoBreda da parte dei giapponesi di Hitachi. Si tratta di un fatto storico per l’azienda di via Ciliegiole e per tutto il suo indotto, sul quale Il Pd vigilerà con la massima attenzione e con la responsabilità che sempre ha caratterizzato l’atteggiamento del partito e delle istituzioni di questo territorio.

In questa fase transitoria infatti, è importante che la nuova proprietà renda noto quanto prima il piano industriale che intenderà attuare per garantire il futuro e la crescita dello stabilimento.

Sviluppo e garanzie occupazionali dovranno essere i capisaldi sui quali instradare il nuovo corso dell’azienda. Allo stesso tempo però, è indispensabile tutelare i lavoratori affinché non vada perduto l’immenso know-how costruito in questi decenni grazie al sacrificio di eccellenti maestranze. Questo è il vero valore aggiunto della fabbrica, ed è su questo che si dovrà puntare per dare nuova vita ad AnsaldoBreda.

Per farlo è importante che Pistoia, tra l’altro sede dell’unico Distretto ferroviario presente in Italia, non perda la sua centralità, lasciando il completo ciclo produttivo in via Ciliegiole. Sono questi gli elementi ai quali prestare maggiore attenzione, in attesa di conoscere quanto prima il piano industriale previsto dal gruppo Hitachi per poi fornire una valutazione puntuale in merito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *