REGIONALI: FAREMO SCELTE CONDIVISE E RAPPRESENTATIVE

Stamani ho inviato questa mail di risposta ai sottoscrittori dell’appello che mi è stato rivolto da “Pistoia Democratica”. Eccone il testo.

Cari, care,
ho letto con attenzione la vostra lettera e non mi sfugge certo l’importanza politica e istituzionale delle prossime elezioni regionali, a maggior ragione considerando il superamento delle province che porterà ad una redistribuzione delle funzioni da esse svolte.

Non mancheranno nel prossimo periodo le sfide. Alcune di queste saranno davvero cruciali, si pensi alla riorganizzazione del sistema sanitario regionale su area vasta.

Proprio per questo la scelta degli amministratori regionali riveste una particolare importanza, non solo per Pistoia ma per tutti i territori della Toscana.

Trattandosi infatti di elezioni non locali ma regionali non potranno che essere uniformi in tutta la Regione le modalità di selezione delle candidature del Pd a consigliere regionale, come prevedono del resto lo Statuto e le decisioni dell’assemblea regionale del 10 gennaio scorso.

In particolare l’assemblea ha demandato alla direzione regionale la definizione del regolamento per la scelta delle candidature a consigliere regionale; come mi ha confermato il segretario Parrini la direzione discuterà a strettissimo giro il regolamento. Esso costituirà la traccia per il lavoro che svolgeremo un attimo dopo con le Unioni Comunali ed i circoli, come già discusso e condiviso con i segretari comunali del Pd nella riunione che abbiamo svolto con essi la scorsa settimana.

E’ chiaro che i criteri base di questo percorso dovranno essere in primis il radicamento territoriale ed il pluralismo interno, perché vogliamo rivolgere agli elettori una proposta di uomini e di donne che sia forte, condivisa e rappresentativa del Pd del nostro territorio.

Siamo però consapevoli che la nostra non sarà una lista bloccata ma sarà una proposta, perché i consiglieri non li sceglieremo noi ma li sceglieranno i cittadini esprimendo la loro preferenza, grazie al recente cambiamento della legge elettorale regionale.

A maggio i cittadini valuteranno la nostra proposta, che ci auguriamo sarà rappresentativa e vincente come lo sono state le nostre proposte di candidature nelle ultime tornate elettorali, amministrative e non.

Vi ringrazio per l’opportunità che mi avete dato di svolgere pubblicamente queste considerazioni e vi saluto cordialmente

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *