“Libere di votare”: la resistenza, le donne, il diritto di voto

Il contributo delle donne alla Resistenza fu determinante, come è determinante sempre. Per la prima volta il 2 giugno 1946 il suffragio in Italia fu veramente universale. Oggi una iniziativa a Pieve a Nievole proprio su questo: presenti alcune donne che quel giorno poterono finalmente esercitare per la prima volta il diritto di voto, il racconto della loro emozione. Una conquista non scontata ma ottenuta a carissimo prezzo. Da quel 2 giugno è iniziato un lungo percorso per i diritti delle donne. Un percorso che deve continuare e anzi rafforzarsi, soprattutto con il contributo culturale di noi uomini. Questi temi sono più che mai attuali.
Insieme a me, oggi, anche il sindaco Gilda Diolaiuti e l’on. Caterina Bini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *