Una sala piena per parlare di Banca della Terra

Quando si parla di cose concrete la partecipazione non manca mai, anche in un sabato pomeriggio di febbraio. Fin quasi alle 20 siamo stati a discutere del progetto “Banca della Terra”, ideato dalla Regione Toscana nel 2013 per creare occasioni di lavoro in ambito rurale, salvaguardare il paesaggio, l’ambiente, l’assetto idrogeologico. La Banca della Terra regionale è questo ma è anche valorizzare al meglio i terreni incolti per renderli utili e produttivi, creando opportunità per i giovani. Nella nostra provincia i Comuni di Uzzano e Quarrata hanno già concluso il percorso per la valorizzazione dei terreni incolti e l’assegnazione a coloro che ne facciano richiesta. Grazie al circolo Agorà di Pietrabuona per avermi chiamato a parlare di questa opportunità innovativa e lungimirante perché le risorse della nostra terra non vadano sprecate. Da un pubblico molto attento e partecipe è iniziato cosi un bel dibattito su tutti i temi che riguardano la tutela del territorio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *