Con Naturart un punto sulla Porrettana

La presentazione dell’ultimo numero di “Naturart” di fronte alla stazione di Pracchia mi ha offerto la possibilità di fare il punto su quanto stiamo facendo in Regione per tutelare e sviluppare una linea che ha un grande valore storico e ambientale. Molti sono stati negli ultimi anni gli investimenti per la qualità dell’infrastruttura e per la linea, tra cui il cofinanziamento di 500.000 euro della Regione per la frana che interruppe la ferrovia a Corbezzi nel 2014. Oltre a questo l’anno scorso il protocollo “Transappenninica” con la Regione Emilia Romagna pone questa linea tra le 5 linee a bassa percorrenza su cui la Toscana interverrà per valorizzarne la finalità turistica. Porrettana dunque come linea che collega anche le eccellenze turistiche, ambientali e le produzioni dei territori da essa attraversati, grazie anche ad un marchio turistico unico. Nei prossimi mesi questi intendimenti si concretizzeranno in un accordo ancora più preciso e vincolante. Grazie a “Naturart” che dà nuova luce, con il suo lavoro e le sue presentazioni, a tanti luoghi della nostra provincia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *