Pistoia, Lavoro, Ecco i primi dati del Piano integrato per l’occupazione della Regione

Grazie al Piano integrato per l’occupazione della Regione Toscana a Pistoia sono stati “presi in carico” 605 lavoratori.
I dati emergono dal primo report che l’assessore regionale Cristina Grieco ci ha fornito. Il Piano integrato per l’occupazione, varato nel 2018, ha messo a disposizione 30 milioni di euro per tutta la Toscana, in special modo per le aree di crisi, e prevedeva tre misure: indennità di partecipazione, percorsi di assistenza alla ricollocazione, incentivi all’assunzione. In provincia di Pistoia queste misure hanno riguardato principalmente inoccupati di lunga durata e persone in cerca di occupazione da oltre due anni. Dei 605 lavoratori presi in carico, 542 hanno concluso il programma e quindi hanno beneficiato di contratti a tempo indeterminato (46), apprendistato (48), contratti a tempo determinato (147), lavoro domestico (23), lavoro intermittente (15) e tirocini (40). Questi dati sono aggiornati al settembre 2019. A tutti i lavoratori che hanno svolto le azioni previste dal programma è stata conferita un’indennità di partecipazione di 500 euro per 6 mesi. La Toscana è stata la prima Regione a realizzare questo tipo di interventi, complementari al reddito d’inclusione istituito dal governo Gentiloni.
Ciascun disoccupato è stato seguito dai Centri per l’Impiego attraverso consulenze specialistiche e percorsi di orientamento e formazione personalizzati. Una sperimentazione, certamente, che però è riuscita a riattivare quei cittadini senza occupazione da tempo e con profili ‘svantaggiati’, cioè disoccupati di lunga durata, over 50, donne fuori dal mercato del lavoro da anni, per offrire loro non solo un’assistenza al reddito ma anche nuove opportunità per rimettersi in gioco. I numeri, per il momento, sono favorevoli, anche se occorre monitorare i contratti a tempo determinato che, per ora, costituiscono la percentuale maggiore. Nel complesso siamo comunque di fronte ad un’azione senza dubbio positiva rispetto ad un tema centrale per i cittadini: la Regione, come si vede, è in campo per dare risposte concrete.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *