, ‘

Scuole. Dalla riunione in Regione con i Sindaci è emerso che, ad oggi, “ad ora tutti i casi sospetti che si sono manifestati in Toscana, anche quelli che poi si sono rivelati negativi, sono stati isolati e valutati. La situazione al momento appare sotto controllo e non ci sono le condizioni per giustificare provvedimenti d’emergenza come, ad esempio, la chiusura delle scuole o la sospensione dei concorsi”.
“Ci sono solo due casi di tamponi positivi per i quali manca ancora la conferma definitiva dal Ministero. Per il momento la situazione è sotto controllo. Non c’è un focolaio, né è stata definita una zona con la più elevata possibilità di contagio. Il sistema di prevenzione e controllo messo in atto sembra funzionare. La situazione si evolve di giorno in giorno, quindi se le condizioni cambieranno, anche le misure di controllo cambieranno. L’attenzione resta alta, ma ogni provvedimento deve essere preso attenendosi a criteri scientifici “.

Restano valide le regole di comportamento responsabile:

Lavarsi spesso le mani, rivolgersi prima per telefono al medico di famiglia se si accusano sintomi influenzali, dichiarare all’Asl (ai numeri sulla cartolina qui sotto) se si è stati nei Comuni d’Italia ritenuti ‘zone rosse’ o in Cina negli ultimi 14 giorni.

Per quanto riguarda il caso emerso a #Pescia, mi sono tenuto in contatto tutto il giorno con l’Asl che ha adottato e sta adottando, sulla base dei risultati dell’indagine epidemiologica e in accordo con i Sindaci interessati, TUTTE le misure previste dalla normativa nazionale (in primis isolamento obbligatorio per i soggetti che hanno avuto contatti stretti).

Pubblico di seguito, per chi volesse informarsi ancora meglio, l’esito della riunione dei Sindaci toscani con il Presidente della Regione Enrico Rossi: https://bit.ly/2HR9gTA

Rivolgo a tutti l’invito a fare affidamento SOLO su informazioni provenienti da fonti ufficiali, in primis il sito della Regione: https://www.regione.toscana.it/-/coronavirus

Vi terrò costantemente informati sull’evolversi della situazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *