BONUS AI DIPENDENTI SANITARI: STANZIATI PIÙ DI 30 MILIONI DI EURO. DOMANI IL CONSIGLIO REGIONALE SI RIUNISCE IN VIA STRAORDINARIA PER APPROVARE.

Il Presidente della Regione Enrico Rossi aveva annunciato, dopo una concertazione con i sindacati confederali di settore, la messa a punto di un bonus giornaliero in favore dei dipendenti del Sistema Sanitario Regionale che, da settimane, sono in prima linea per combattere l’emergenza coronavirus.

Ecco: sono stati stanziati dalla Regione più di 30 milioni di euro per questo intervento e sarà subito erogato.

L’accordo con i sindacati prevede che questo bonus, intanto, copra il periodo dal 17 marzo al 30 aprile 2020.

Ancora una volta la Regione passa ai fatti e domani, in riunione straordinaria del Consiglio Regionale, voteremo l’approvazione della legge per i bonus ai dipendenti sanitari impegnati nella lotta al coronavirus.

I riconoscimenti ai singoli operatori, lo ricordiamo, verranno distribuiti con queste priorità:

L’indennità giornaliera da 45 euro, la più alta, verrà assegnata a medici e operatori del comparto (infermieri e oss) che operano nei reparti Covid.

Quella da 25 euro sarà assegnata ai dipendenti che lavorano nei reparti vicini alle aree Covid.

E infine quella da 20 euro sarà assegnata a tutti gli altri operatori.

Sono orgoglioso di poter dire che la Regione ha stanziato più di 30 milioni di euro per questo intervento. Un riconoscimento importante, che prescinde dalla mera retorica e va dritto al sodo. Tutti abbiamo manifestato il nostro grazie agli operatori sanitari per la loro generosità in queste settimane di duro lavoro ma questo grazie andava, da parte delle Istituzioni, concretizzato.

La Regione lo fa e, da pistoiese, sono felice di votare questo provvedimento perché il San Jacopo, il Ss.Cosma e Damiano ed il Pacini di San Marcello hanno dovuto reggere e stanno reggendo un carico molto importante di lavoro e le donne e gli uomini che fanno vivere la sanità pistoiese hanno dimostrando tanta professionalità e tanto cuore, anche in questo frangente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *