COVID19 E SALUTE MENTALE: È NECESSARIO POTENZIARE L’ASSISTENZA PSICOLOGICA

➡️L’emergenza che stiamo vivendo é un problema complesso che si gioca su più fronti. Sanitario, economico, ma anche psicologico.
✔È chiaro a tutti, ormai, che la coda lunga di questa situazione comporterà anche una serie di problematiche legate alla salute mentale: ansia, stress, depressione, angoscia.
✅Lo dicono molte statistiche ma emerge anche da tanti colloqui con le persone.
👉🏻Per far fronte a queste problematiche, é necessario potenziare l’assistenza psicologica all’interno del Servizio Sanitario Regionale. Andando a rinforzare e ampliare i servizi offerti, rendendoli accessibili a tutti.
🔸️Il sistema sanitario, insomma, deve ripensarsi: occorre un approccio non solo medico e/o farmacologico ai problemi della salute mentale. E la Regione Toscana deve dimostrare di essere sensibile e pronta ad affrontare queste tematiche nel modo più intelligente.
🔹️Il concetto di “diritto alla salute” non ricomprende solo la sanità ma il benessere psicofisico.
📍Culturalmente, invece, siamo portati ad identificare la salute con la sanità con un approccio solamente medico.
🔺️L’emergenza Covid19 ci porterà a ridisegnare il sistema sanitario: dobbiamo cogliere l’opportunità per dare maggiore cittadinanza, anche in termini di personale, all’assistenza psicologica.
📌In questi anni, ad esempio sull’assistenza psicologica legata alle malattie oncologiche, sono stati fatti passi avanti: sono ancora però non sufficienti. Gli organici dei servizi dedicati alla psicologia nel servizio sanitario sono ancora assolutamente insufficienti rispetto alle richieste e alle necessità: ce lo dicono gli operatori sanitari dei servizi dedicati e non solo.
👥Il sostegno psicologico nelle malattie croniche e quello ai caregiver, cioè ai familiari che li assisto questi malati, è un altro settore su cui investire con maggior forza.
ℹPer questo, nei prossimi giorni, presenterò alla Giunta Regionale un’interrogazione sul potenziamento dell’assistenza psicologica sul territorio regionale da parte del sistema sanitario. Le strade possono essere molte, l’importante è dare una risposta a tanti cittadini che, oggi più che mai, stanno vivendo una situazione di difficoltà anche psicologica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *