Centri Diurni: La Regione stanzia 139.097 € per la SDS Pistoiese, e 93.176 per la SDS della Valdinievole

Centri Diurni: La Regione stanzia 139.097 € per la SDS Pistoiese, e 93.176 per la SDS della Valdinievole

Attraverso la delibera n.776 la Regione ha stabilito che, a partire dal 1 luglio, possono riaprire le strutture semiresidenziali per persone anziane, specificando che questo avverrà in base alle azioni e a delle indicazioni (contenute nella delibera) che i gestori e le Zone Distretto/SdS territorialmente competenti dovranno mettere in atto per garantire la sicurezza.
Inoltre la riapertura avverrà a seguito di specifici accordi, definiti a livello territoriale, tra i gestori dei servizi e le Zone Distretto/SdS territorialmente competenti. Questi accordi saranno presi tenendo conto dei Progetti personalizzati di ciascun utente, e possibilmente prevedendo attività complementari (anche grazie agli strumenti telematici) a
completamento dell’orario di frequentazione abituale. Nell’ambito della riprogrammazione delle attività e dei servizi, e in base alle singole esigenze degli utenti, questi accordi potranno anche prevedere visite domiciliari da parte degli operatori della struttura.
La delibera poi prevede, rispetto all’esecuzione dei test sierologici agli ospiti delle strutture semiresidenziali, che gli stessi siano effettuati dalle Aziende USL territorialmente competenti e a loro carico, e che siano ripetuti con cadenza mensile.
La Regione, infine, stanzia 3.000.000 di euro per questa operazione, da destinare alle Società della Salute dei vari territori. Per quanto riguarda la nostra Provincia, le somme stanziate sono le seguenti: 139.097 per la Società della Salute Pistoiese, e 93.176 euro per la Società della Salute della Valdinievole.
Come si puó vedere, quindi, il tragitto che porta alla completa ripartenza della Toscana si sta, passo dopo passo, sempre più concretizzando. La Regione sta investendo grandi risorse per consentire a tutti gli apparati sociali di riaprire dopo l’emergenza, sempre vigilando sulla sicurezza, che in questa fase non deve mai venire meno. E i progressi sono incoraggianti.

Condividi questo post