COVID-19: ORDINANZA SU SPOSTAMENTI CONSENTITI A SEGUITO DEL PASSAGGIO IN AREA “ARANCIONE”.

COVID-19: ORDINANZA SU SPOSTAMENTI CONSENTITI A SEGUITO DEL PASSAGGIO IN AREA “ARANCIONE”.

Il Presidente Giani ha appena annunciato di aver firmato una nuova ordinanza che chiarisce e precisa alcune disposizioni definite dall’ultimo DPCM per le zone “arancioni” come la Toscana.Con questa ordinanza il Presidente Giani chiarisce anche i vari punti relativi alle tante domande che mi avete fatto in questi giorni. Ecco le novità:

È consentito raggiungere le seconde case, per lo svolgimento delle attività di manutenzione e riparazione necessarie per la tutela delle condizioni di sicurezza e conservazione del bene; lo spostamento potrà essere esclusivamente individuale con obbligo di rientro in giornata presso l’abitazione abituale.

SPOSTAMENTI Sono consentiti gli spostamenti con mezzi di trasporto pubblici o privati, in un comune diverso da quello di residenza, domicilio o abitazione, oltre che per comprovate esigenze lavorative, di studio, per motivi di salute e per situazioni di necessità, esclusivamente per svolgere attività o usufruire di servizi non sospesi e non disponibili nei comuni di residenza, domicilio o abitazione; Sono altresì consentiti gli spostamenti in altri comuni nel caso in cui il comune di residenza, domicilio o abitazione non disponga di specifici punti vendita, oppure nel caso in cui sia necessario acquistare con urgenza generi di prima necessità non reperibili nel comune di residenza o domicilio; Tali spostamenti sono consentiti solo entro stretti limiti.

GENITORI SEPARATI E FIGLI. É consentito alla persona separata o divorziata andare a trovare anche in Comuni di aree differenti figli minorenni presso l’altro genitore o comunque presso l’affidatario per condurli presso di sé. Tali spostamenti dovranno in ogni caso avvenire scegliendo il tragitto più breve e nel rispetto di tutte le prescrizioni di tipo sanitario , nonché secondo le modalità previste dal giudice con i provvedimenti di separazione o divorzio o, in assenza di tali provvedimenti, secondo quanto concordato tra i genitori.

RACCOLTA E FRANGITURA OLIVE. Sono consentiti: – gli spostamenti, anche al di fuori del comune di residenza, domicilio o abitazione , per effettuare la raccolta delle olive su terreni di proprietà o di cui si ha la disponibilità giuridica, direttamente o tramite appartenenti al medesimo nucleo familiare, da intendersi come conviventi, parenti o affini entro il secondo grado; – gli spostamenti, anche al di fuori del comune di residenza, domicilio o abitazione, effettuati per andare e tornare dai frantoi al solo scopo di consegnare il raccolto e ritirare il prodotto finito.

RACCOLTA TARTUFI. – Sono consentiti gli spostamenti, anche al di fuori del comune di residenza, domicilio o abitazione, esclusivamente nel caso di raccolta dei tartufi svolta a titolo professionale da coloro che: a) sono in possesso del tesserino di raccoglitore ai sensi dell’articolo 11 della l.r. 50/1995; b) sono in regola con il pagamento della tassa regionale; c) sono titolari di P.IVA specifica o del versamento dell’F24 per sostituto di imposta entro i 7.000 euro;- la raccolta dei tartufi a titolo amatoriale può essere effettuata esclusivamente nel comune diresidenza, domicilio o abitazione.

RACCOLTA FUNGHI. – Sono consentiti gli spostamenti, anche al di fuori del comune di residenza, domicilio o abitazione, esclusivamente nel caso di raccolta funghi svolta a titolo professionale dagli imprenditori agricoli e dai soci di cooperative agricolo-forestali ai sensi dell’articolo 4 della l.r. 16/1999; – La raccolta dei funghi a titolo amatoriale può essere effettuata esclusivamente nel comune di residenza, domicilio o abitazione.

ATTIVITÀ DI PESCA. Gli spostamenti, anche al di fuori del comune di residenza, domicilio o abitazione, sono consentiti esclusivamente nel caso di pesca professionale; – la pesca dilettantistica e sportiva può essere esercitata esclusivamente nel comune di residenza, domicilio o abitazione.

ALLEVAMENTO DI ANIMALI – lo spostamento per accudire gli animali allevati costituisce situazione di necessità collegata al benessere dell’animale e quindi è consentito lo spostamento dal comune di residenza, domicilio o abitazione limitatamente allo svolgimento di tale attività.

CENTRI CULTURALI, CENTRI SOCIALI E CENTRI RICREATIVI. Per i centri culturali, centri sociali e centri ricreativi è consentito, esclusivamente a favore dei rispettivi associati, effettuare la ristorazione con consegna a domicilio nel rispetto delle norme igienico-sanitarie, nonché fino alle ore 22,00 la ristorazione con asporto, con divieto di consumazione sul posto o nelle vicinanze.

L’Ordinanza é consultabile qui https://bit.ly/2Us5Lcg

Condividi questo post