NESSUN RISCHIO DI RIMODULAZIONE DEL SERVIZIO DI GUARDIA MEDICA.

NESSUN RISCHIO DI RIMODULAZIONE DEL SERVIZIO DI GUARDIA MEDICA.

Come hanno chiarito ieri il Presidente Giani e l’assessore Bezzini, l’ordinanza che prevedeva la rimodulazione del servizio di guardia medica in orario 8-24, anziché sulle 24 ore, era stata assunta in vista di uno scenario di grave necessità a causa dell’aumento vertiginoso da contagi da Covid19, in cui sarebbe stato necessario impiegare anche i medici della guardia medica nell’assistenza dei malati da Covid19.

Per fortuna, non ci siamo trovati né siamo attualmente in questo scenario. Questo grazie al fatto che le misure restrittive iniziano a produrre i primi risultati in termini di alleggerimento della pressione sul sistema sanitario, anche se non possiamo né dovremo abbassare la guardia fino a che il vaccino non sarà adeguatamente diffuso o ci sarà una terapia farmacologica efficace.

In virtù di uno scenario che, grazie ai sacrifici che stiamo facendo, segnala una tendenza ad un decremento dei casi e non ad un aumento come qualche settimana fa, per il servizio della guardia medica non sono previste rimodulazioni in nessuna zona del nostro territorio. Eventuali rimodulazioni del servizio saranno effettuate dunqhe solo in presenza di situazioni di estrema necessità e salvaguardando comunque questi presidi nei territori montani e periferici.

Ho voluto precisarlo con questo post perché mi sono reso conto, dai contatti che ho avuto anche oggi, che permanevano ancora dubbi in varie persone.

(Foto di repertorio scattata prima dell’emergenza da covid-19).

Condividi questo post